I Produttori di Eccellenza: PASTA MANCINI. Intervista esclusiva a Massimo Mancini

L’Italia, famosa in tutto il mondo per la Pasta…ma per molti è un mondo quasi sconosciuto quello della Pasta.
Abbiamo incontrato, Massimo Mancini, socio principale dell’azienda Pasta Mancini e abbiamo voluto scoprire insieme a lui i segreti di questa eccellenza italiana.

PeG: La Pasta Mancini è relativamente giovane. Ci spieghi la genesi dell’idea imprenditoriale?
Massimo Mancini: “L’idea nasce all’università dove ho svolto una tesi di laurea sulla pasta e poi dopo alcune esperienze di studio e lavoro sia in Italia che all’estero sono tornato qui a casa nelle Marche dove da tempo la mia famiglia possiede un’azienda agricola che produce cereali e leguminose. Ho deciso nel 2001/2002 di provare a fare pasta col nostro grano duro e da lì è partita l’iniziativa. Il pastificio è stato costruito nel 2010 mentre i primi anni producevamo in una struttura esterno non di nostra proprietà”

PeG: Molti produttori industriali utilizzano prodotti chimici per il trasporto e la conservazione del grano. Voi come lo conservate ?
Massimo Mancini: “Rimettiamo il grano all’interno di silo-bag che sono dei sacconi lunghi 60 mt e della circonferenza di 9 mt appoggiati direttamente a terra. Ogni saccone contiene 200 ton. di grano duro. Il grano si mantiene perfettamente senza l’ausilio di prodotti chimici di sintesi perché all’interno si crea un ambiente completamente anaerobico.”

PeG: Il target di “pasta artigianale” comporta un approccio diverso con la materia prima, ma per quanto concerne la tecnologia di produzione, una trafila è pur sempre una trafila, no?
Massimo Mancini: “La nostra filosofia è quella di riuscire a combinare le ultime tecnologie disponibili con molti valori della tradizione. A nostro avviso da questa combinazione si riesce a trovare il giusto equilibrio per esaltare le caratteristiche della materia prima di partenza. E’ sempre da quest’ultima che bisogna partire per provare a fare un prodotto di qualità.”

PeG: In un mondo tanto competitivo come quello del mercato della pasta, ogni produttore si è inventato un’idea per far parlare di sé, alcuni usano la trafila in oro, altri raccontano di aver trovato un grano antico e di averlo riprodotto. Ci puoi aiutare a fare un po’ di chiarezza?
Massimo Mancini: “E’ logico che ognuno provi a cercare argomenti diversi ed accattivanti. Spesso si fa della poesia e si tende ad enfatizzare tutto ciò che è antico. Ritengo che nelle tradizioni ci sia del buono ma è necessario conoscerlo bene per poterlo valorizzare. Spesso lo si fa con le parole. I grani antichi hanno dei valori interessanti riguardo al patrimonio genetico originario, alla loro rusticità, al loro glutine meno tenace: da un lato tiene meno la cottura dall’altro resta più digeribile.
Sull’oro non credo ci siano motivazioni tecniche da portare.”

PeG: Quindi è possibile riprodurre geneticamente una qualità di grano scomparsa, ma con quali conseguenze per la salute?
Massimo Mancini: “Le varietà scomparse non si possono riprodurre al massimo ci sono persone in gambissima che si sforzano di ricercarle e le valorizzano sia con la coltivazione ed eventualmente con la trasformazione.”

PeG: Il prezzo di una pasta artigianale si discosta parecchio da quelle industriali e ci hai aiutato a capire il perché, tuttavia, non si fa altro che parlare di recessione, mercati deboli, crollo dei consumi, come affronta la crisi Mancini?
Massimo Mancini: “Siamo troppo piccoli e giovani per avere un collegamento diretto con l’andamento del mercato e quindi il nostro andamento positivo potrebbe non essere la regola. La nostra strategia è comunque molto chiara e punta a posizionarsi il più in alto possibile andandosi a cercare spazi coerenti sul mercato di riferimento. Siamo probabilmente l’unica azienda di pasta che si produce da sola il grano necessario all’intera produzione e con questo messaggio molto forte proviamo a convincere direttamente, in particolare, la medio/alta ristorazione che attesta la qualità del prodotto e conseguentemente ne fa parlare in maniera professionale e credibile. Di conseguenza ci muoviamo anche sul mercato del retail specializzato. Stiamo allargando lo sguardo anche all’estero dove le opportunità sono molto importanti.

PeG: Quale formato è il più venduto? Coincide con il tuo preferito?
Massimo Mancini: “In assoluto lo spaghetto che è anche il mio preferito.”

PeG: Qual è “l’esperimento o tentativo” più stravagante che hai fatto per realizzare la pasta ?
Massimo Mancini: “Stiamo facendo uno spaghettone grande ed allo stesso tempo una pasta con una cereale particolare che sto riscoprendo insieme ad una collega agronomo ed un mulino pietra. Usciremo entro fine anno.”

PeG: Quale ricetta è ideale per la Pasta Mancini?
Massimo Mancini: “La si apprezza al massimo con un semplice goccio d’olio.”
Per maggiori informazioni:

PASTA MANCINI
Contrada San Rustico
63815 Monte San Pietrangeli
Fermo – Marche – Italia
http://www.pastamancini.it
info@pastamancini.it

Chi ancora non avesse provato questa meravigliosa pasta e fosse interessato a provarla, la può trovare qui

Eat’s
Galleria del Corso, 4
Milano

Eat’s
via Cesare Battisti, 5
Conegliano Veneto (Treviso)

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.24

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.33

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.40

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.43

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.47

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.51

Schermata 2013-07-04 alle 15.44.55

Schermata 2013-07-04 alle 15.45.12

Schermata 2013-07-04 alle 15.20.01

Schermata 2013-07-04 alle 15.20.16

Schermata 2013-07-04 alle 15.42.35

Schermata 2013-07-04 alle 15.42.41

Schermata 2013-07-04 alle 15.42.47

Schermata 2013-07-04 alle 15.42.58

Schermata 2013-07-04 alle 15.43.03

Schermata 2013-07-04 alle 15.43.13

Schermata 2013-07-04 alle 15.43.43

Schermata 2013-07-04 alle 15.43.54

Schermata 2013-07-04 alle 15.43.58

Schermata 2013-07-04 alle 15.46.52

Schermata 2013-07-04 alle 15.47.02

Schermata 2013-07-04 alle 16.00.33

Schermata 2013-07-04 alle 15.45.28

Schermata 2013-07-04 alle 15.45.44

Schermata 2013-07-04 alle 15.45.57

Schermata 2013-07-04 alle 15.46.20