Hummus di Dafna

PeG: proseguiamo con l’iniziativa delle “ospitate” che con il primo post inerente alla carbonara ha riscosso un grandissimo successo. Oggi è il turno di Dafna, un’amica di origini israeliane ed eccellente cuoca (anche lei for passion). Vederla all’opera in cucina è un piacere, sa sposare la tradizione alla creatività, sa improvvisare. Ha frequentato corsi di cucina, viaggia molto e arricchisce la propria cultura culinaria con la curiosità e tanta passione. L’abbiamo scelta perché ci fornisse una ricetta tradizionale del Medio Oriente, in cui tanti si cimentano anche in Italia e che tanti amano: l’Hummus.

Un po’ di giorni fa Giacomo mi ha chiesto di aggiungere al suo blog un pizzico di Medio Oriente.

Ci ho pensato un po’, e direi che il modo migliore di iniziare è quello di proporre il mio piatto preferito. Quello che, quando non torno a Tel Aviv per un po’, mi manca, ci penso, e quando ci penso ho le papille gustative che si comportano come se il piatto fosse davanti ai miei occhi e la mia memoria va a recuperare quell’esatto sapore, colore, consistenza.

Di Hummus nella mia vita ne ho mangiata a quintali. Nata in Italia, metà di me è Tel Aviviana. Non Israeliana, Tel Aviviana. Quando vado lì non c’è giorno, come d’altronde è per la maggior parte degli israeliani, che io non mi mangi la mia dose giornaliera di Hummus. Da sola, con la Pita, nell’insalata, nel riso…vi ricordo un po’ Zohan vero?

Beh insomma, questa è la mia ricetta. Godetevela.

1.  300gr ceci secchi

2. bicarbonato di sodio q.b.

3. 1-2 spicchi d’aglio sbucciati (togliete anche l’animetta dentro)

4. 1/2 bicchiere di olio extravergine di oliva

5. 1/4 di cucchiaino di cumino macinato, più altro per guarnire

6. 2 cucchiai di tahina, a temperatura ambiente;

7. 1 e mezzo – 2 limoni

8. sale

9. Paprika, per guarnire

10. 1/4 di tazza di prezzemolo tritato

11. Pane pita, per servire

1. In una ciotola, coprite i ceci secchi con  acqua e aggiungete una punta (ma una punta!!) il bicarbonato di sodio. Lasciateli a mollo per 12 ore (se è estate metteteli in frigo).

Scolate i ceci e sciacquateli sotto l’acqua fredda.

2. Fate bollire i ceci a fuoco basso fino a farli diventare teneri. Sulle confezioni dicono 2 ore 2 ore e mezzo ma in realtà dipende molto da quanto sono secchi. A volte li ho bolliti 3 ore 3 ore e mezza!

Scolate, lasciando da parte 10 cucchiai di acqua di cottura e 2 cucchiai di ceci.

Sciacquateli sotto l’acqua fredda.

3. In un robot da cucina, frullate i ceci aggiungendo un po’ di acqua della cottura che avevate tenuto da parte, 1/4 tazza di olio d’oliva e l’aglio schiacciato con lo schiaccia-aglio. Se è una spezia che vi piace aggiungete  il cumino (io non lo metto mai ma i gusti son gusti)  insieme con 2 cucchiai di tahina e succo di limone (ma non tutto, aspettate a salarlo per riuscire poi a dosare tutto bene) fino a far diventare il tutto una crema.

A questo punto assaggiate, aggiungete il sale e aggiustate con il limone.

4. Impiattate l’Hummus e cospargetela con il cumino e la paprika. Guarnite con i ceci interi che avete tenuto da parte e il prezzemolo.

In frigo, anche se mi sembra assurdo aver bisogno di pensarci, l’Hummus si mantiene per massimo 2 giorni.

Buon Hummus a tutti!

Dafna

hummus