La Cucurbita: da Cenerentola…ad Halloween

P: Da piccoli l’abbiamo conosciuta con la favola di Cenerentola…la culla di quest’ortaggio è l’America Centrale, qualcun’altra sostiene l’India, l’origine è un po’ controversa; in Europa si dice che arrivò grazie agli esploratori inglesi che la trovarono nelle zuppe e negli stufati dei Nativi dell’America del Nord ma i Romani ad esempio la usavano come contenitore per il sale, il latte e cereali e quando la facevano essiccare la trasformavano in piatti o posate; difficile quindi dire con certezza da dove provenga esattamente.

1147992653

jack

All’inizio fu usata per sfamare i contadini, con il tempo impararono ad apprezzarla anche le classi sociali più abbienti. Il suo sapore piuttosto blando la rende un’ideale accostamento per cibi dolci e piccanti ed è una buona base anche per altri sapori. Lo stufato di zucca ad esempio è ancora molto popolare in Africa e nei Caraibi.

Ve ne sono di diversi tipi, aldilà della classica che conosciamo, le altre più diffuse sono quella a noce di burro, molto simile a una grossa pera, si sposa perfettamente con il pepe della Giamaica (il pimento), la cannella, i chiodi di garofano, la cannella e lo zenzero.

Cucurbita_moschata_Butternut_2012_G2

Un’altra varietà più originale è invece la zucca spaghetti, sembra che si sia sviluppata negli Stati Uniti intorno agli anni Trenta del XX secolo ma anche qui le sue origini sono incerte e viene coltivata anche in Giappone. La caratteristica principale sta nella consistenza dell’interno che prende la forma di una massa fibrosa durante la cottura, la polpa viene poi estratta con la forchetta come se si trattasse di spaghetti. La Polpa a frange viene spessoservita con salsa di pomodoro o burro, erbe fresche, aglio e parmigiano.
C’è anche poi una varietà dalla polpa arancio che si chiama Orangetti sviluppata alla fine del XX secolo.

d28cdb

spaghetti-squash

Dai suoi semi si ottiene un olio rossiccio che viene usato nella cucina tradizionale.

Una ricetta interessante, il cappuccino di Zucca la potete trovare sempre sul nostro blog: http://wp.me/p3dLQy-3U

IMG_1598