Il Satèn e il Rosè Millesimato di Le Marchesine – Franciacorta

P: Avevo apprezzato questa azienda già durante il Festival Franciacorta al Museo della Scienza e della Tecnica di Milano, ho avuto modo di riprovare i suoi prodotti durante una degustazione, e questa è stata la cartina tornasole che il primo sguardo, o meglio, il primo assaggio non mentiva.
Piacevole, nulla di intricato, fresco e facile da capire, buone sensazioni prima con l’olfatto poi con il palato.

Le Marchesine, azienda di media grandezza, produce circa 450mila bottiglie all’anno, ha origine molto antiche, infatti senza usare la macchina del tempo, si possono trovare documenti che attestino al 1196 i primi tre ettari in Franciacorta. Oggi si è estesa a 47 ettari, la maggior parte dei quali coltivati a Guyot.

Da oltre un decennio l’azienda ha un saldo rapporto con l’Istituto Enologico di Champagne di cui fa parte anche l’enologo dell’azienda, Jean Pierre Valade.

Il Satèn (circa 40mila bottiglie all’anno) nasce da uve di Chardonnay. Vendemmia a mano, pressatura lenta, fermentazione e affinamento in piccole botticelle di quercia di Allier a temperatura controllata (12°-14°) per almeno 36 mesi.

IMG_0014

Il Rosè millesimato (circa 40mila bottiglie all’anno) nasce da Chardonnay e Pinot nero. Il colore rosa luminoso è dovuto alla maturazione delle bucce “a cappello sommerso”. La fermentazione avviene in vasche d’acciaio a temperatura controllata (17° – 19°) con lieviti indigeni per almeno 36 mesi.

IMG_0024

Azienda Agricola Le Marchesine
via Vallosa, 31 – Passirano (BS)
info@lemarchesine.com
http://www.lemarchesine.com

IMG_0023

IMG_0018