BRERHATTAN COCKTAIL REALIZZATO DAL BARMAN TERENCE CASSANO

“Il Brerhattan nasce da una sfida: miscelare il distillato più usato nella tradizione italiana, ma non ancora presente nei ricettari di cocktail; eppure la grappa Cantina Privata Moscato Sauternes Cask Finish della Distilleria Bocchino che avevo tra le mani mi dava l’idea di poter entrare in miscelazione per creare un cocktail che risultasse al tempo stesso “maschio” ma vellutato.
Il mio obiettivo era esaltare le note legnose dell’affinamento e autunnali del distillato.
L’idea di inserirla in un cocktail che richiamasse il mahattan nasce dalla storia stessa della grappa. Un distillato che spesso i miei avi producevano in casa, un po’ come succedeva al whiskey durante il proibizionismo.
Non trovavo un vermut che ci si sposasse bene, alcuni era troppo dolci e esaltavano troppo le note di vaniglia, altri davano giusto risalto alle note lignee, ma sovrastavano i sentori aromatici della grappa e ne esaltavano l’alcolicità.
Il melograno è stato il trait d’union, che mi ha permesso di arrivare alla quadra del drink mantenendo inalterati gli aromi della grappa, ammorbidendo l’alcolicità e permettendo l’utlizzo di un vermut strutturato che sostenesse la grappa.
Il nome richiama proprio l’idea di partenza e si congiunge a quello che è stata la culla di questa idea, il quartiere di Brera a Milano, cercando un parallelo ideale tra il quartiere newyorkese e il nostro quartiere artistico. Un omaggio alla città che mi ha cresciuto e un augurio di creare il nostro sogno italiano”.

INGREDIENTI
3 cl Martini Gran Lusso
3 cl Succo di Melograno aromatizzato al Cioccolato
4 cl Grappa Bocchino Cantina Privata Moscato Sauternes Cask Finish
On The Rocks
Garnish: Lamponi

Brerhattan marmo

TERENCE CASSANO nasce a Milano, ma rimane molto legato alle proprie radici venete. Compie le prime esperienze da autodidatta proprio in veneto, precisamente in quello che era il bar di famiglia sul Lago di Garda. Ritornato a Milano entra nei salotti della “Milano bene”, quali le pasticcerie storiche del centro storico, dalla porta di servizio come caffettiere, ma poi il richiamo del banco barman prende il sopravvento e per 5 anni compie la sua formazione a contatto con alcune figure di rilievo della vecchia scuola. Ha recentemente lasciato Palazzo Parigi per nuovi progetti.

Terence Cassano

Brerhattan marmo