Filetto di Maiale cotto a bassa temperatura con Albicocche e Lemon Myrtle

Francesca Aldebarina Giorgetti
(Tutte le Spezie del Mondo)

Ecco a voi le ricette della lezione SPICE your life n°0

FILETTO DI MAIALE COTTO A BASSA TEMPERATURA CON ALBICOCCHE E LEMON MYRTLE (per 4/6 persone)
1 filetto di maiale
3 cipolle grosse
Albicocche disidratate (possibilmente senza conservanti e solfiti) 2 cucchiaini di zucchero
Lemon Myrtle
Sale e pepe
Una spruzzata di vino bianco

Pulire bene il filetto di maiale dalle parti grasse. Condirlo bene con sale pepe e parecchio Lemon Myrtle facendolo aderire bene schiacciando con le mani. Coprire con della pellicola e lasciare in frigorifero qualche ora ad insaporire (non è indispensabile se si ha poco tempo).
Rosolare il filetto in padella finché non è ben colorito su tutti i lati.
Nel frattempo rosolare bene le cipolle in un po’ d’olio di oliva e altro Lemon Myrtle.
A cottura quasi ultimata di quest’ultime aggiungere lo zucchero, le albicocche e poi sfumare con un po’ di vino bianco per deglassare la padella.
Mettere in una teglia la base di cipolla e sopra il filetto, coprire con dell’alluminio o con un coperchio e mettere in forno ad 80° (forno statico) per un’ora e mezza.
A cottura ultimata attendere una decina di minuti prima di tagliare il filetto per far si che i liquidi della carne non fuoriescano. Servire con il suo sugo di cipolla e albicocche e con il riso alle spezie.

NOTA: è bene sperimentare il proprio forno perché non tutti hanno la stessa resa di calore. Per chi ha un termometro da carne il filetto di maiale è pronto quando raggiunge la temperature di 65/70° al cuore.

Per accompagnarlo potete prepare sia Riso con Spezie e Anacardi che delle Carote al Coriandolo

IMG_5616

RISO CON SPEZIE ED ANACARDI (per 6 persone)
400 g di riso a chicco lungo (thai o basmati per esempio)
Una cipolla tagliata in quarti
Una manciata di anacardi non tostati e non salati
Spezie miste intere (1 stecca di cannella o di cassia, 6 baccelli di cardamomo, 1 o 2 anici stellati, 15 grani di pepe, 4 chiodi di garofano, un “fiore” di macis, un cucchiaino di semi di coriandolo).

Sciacquare il riso in acqua fredda finché l’acqua non risulta limpida.
Mettere in una pentola il riso con il doppio del suo volume di acqua, aggiungere tutte le spezie, gli anacardi, un po’ di sale e portare a bollore. Coprire, abbassare al minimo e usare se possibile una retina frangi fiamma per evitare che il riso si attacchi sul fondo. Dopo una ventina di minuti controllare se l’acqua è stata tutta assorbita. Se il riso è pronto sgranare con una forchetta delicatamente. Si può condire con un po’ di olio o di burro ma non è indispensabile, soprattutto se si accompagna il riso con un sugo o qualcosa di cremoso.

CAROTE AL CORIANDOLO
600 g di carote
1 cipolla affettata finemente Coriandolo citrino in polvere Olio e sale
Sbucciare e tagliare le carote a tronchetti regolari per consentire una cottura uniforme, Rosolare la cipolla in 4 cucchiai d’olio fino a renderla trasparente e poi aggiungere le carote e un cucchiaino abbondante di coriandolo in polvere. Cuocere per una decina di minuti – se serve aggiungere un goccio di acqua ma non esagerare perché se no le carote si “lessano”.
La cottura deve essere rapida girando frequentemente le carote per mantenere una consistenza croccante. L’ideale sarebbe di utilizzare una pentola simile al wok.